Come fare per... - Impresa


Riabilitazione dei debitori protestati (Volontaria Giurisdizione)
DOVE

Cancelleria della Volontaria Giurisdizione piano primo stanza n. 7 (servizio reso dalle ore 10,30 alle 12,30 nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì).

COS'E'

Trascorso un anno dalla data dell'ultimo protesto sollevato, la persona che ha subito protesti può chiedere la riabilitazione presso il Tribunale competente per la residenza.

CHI LO PUO' RICHIEDERE

Il debitore protestato che abbia adempiuto alle obbligazioni per la quale è stato levato il protesto.

COSA OCCORRE
  • Istanza diretta al Presidente del Tribunale di residenza del debitore, con firma autenticata o apposta di fronte al funzionario responsabile;
  • Prova dell’avvenuto pagamento del Contributo unificato e dei diritti forfettari di notifica;
  • Fotocopia del codice fiscale e del documento di identità del richiedente;
  • Visura rilasciata dall’Ufficio del Registro dei protesti presso la Camera di commercio, aggiornata alla data del deposito dell’istanza;
  • Titolo o i titoli per cui si chiede la riabilitazione , in originale;
  • Eventuale denunzia di smarrimento dei titoli per i quali si chiede la riabilitazione;
  • Quietanza liberatoria del creditore, con firma autenticata;
  • Certificato di residenza aggiornato o autocertificazione
QUANTO COSTA
  • Contributo unificato da € 85,00 in marche da bollo.
  • Spese forfetizzate per notifica pari a € 8,00 in marche da bollo.
  • Al momento del rilascio della copia del decreto di riabilitazione sono dovuti diritti di copia per € 10,62 in marche da bollo.
EFFETTI

Il debitore protestato è riabilitato con tutti gli effetti conseguenti previsti dalla legge.